Charak Samhita il più antico testo medico

Ayurveda può guardare con orgoglio ad un ricco tesoro di letteratura medica classica. Da notare che alcune delle opere di 3.500 anni sono ancora oggi utilizzate come libri di testo ufficiali nelle scuole di medicina. Ci si può chiedere come questo sia possibile. Ma poi, gli esseri umani non sono cambiati in termini di anatomia o fisiologia durante gli ultimi cinquemila anni. La tecnologia potrebbe essere cambiata con il tempo; possiamo guidare in auto veloci invece che in carrozze a cavallo. Tuttavia, il metabolismo umano di base rimane lo stesso. Allora perché cambiare i libri di testo sulle conoscenze mediche di base?

Brihat Trayi (la grande trilogia)

Questa trilogia è composta da Charak Samhita, Sushruta Samhita e Ashtanga Samgraha.

1) Charak Samhita

Questo manoscritto è il più antico testo medico incontaminato. Anche se mancano i documenti originali, abbiamo ancora accesso al loro contenuto grazie alla meticolosa tradizione di commentatori che hanno elaborato le opere popolari attraverso i secoli.
Almeno quattro autori hanno contribuito a questo libro. Il primo fu Atreya, seguito dal suo allievo Agnivesha; in seguito, copie diverse e incomplete furono raccolte da Charaka e riunite in un unico volume. Anche questo manoscritto originale è stato perso con il passare del tempo. Ma ci sono ben quarantatre commenti su questo lavoro. Di queste, le seguenti informazioni sono disponibili in parte o completamente:

1. Charaka Nyasa di Bhattara Harichandra dal quarto secolo
2. Charaka Panjika di Swami Kumara dopo il IV secolo
3. Nirantara Pada Pada Vyakhya di Jejjata del sesto secolo
4. Ayurveda Dipika di Chakrapani dell’ XI secolo
5. Tatvaachan Drika di Sivadasa Sena del XV secolo

Oltre a questo elenco, ci sono molti commenti disponibili nelle lingue regionali.
Charak Samhita è stato diviso in otto parti (stana), e queste a loro volta si dividono in diversi capitoli. Chakrapani è considerato il commentatore più autorevole di Charaka. Il suo intero commento è disponibile oggi ad eccezione di alcuni versi. Era pienamente consapevole delle aggiunte fatte da Dridabala, un commentatore precedente, e delle opere di altri commentatori che erano disponibili anche durante il suo tempo. La data di questo lavoro è comunemente accettata  intorno al 1000 aC, mentre la versione originale di Atreya e Agnivesha è stata compilata molto prima. Le otto parti del Charak Samhita sono:
Sutra Sthana (Origina e Propagazione): La prima parte inizia con un’ introduzione alla salute, alla medicina, all’ igiene, ai profilattici, alla dieta e allo stile di vita. Segue un elenco dei quattro componenti necessari per il successo del trattamento: il medico, il farmaco, il paziente e l’ infermiera. Le terapie dell’ olio e del sudore e le cause della malattia sono discusse.
La composizione delle particelle dell’ universo e il suo rapporto con la composizione del corpo umano sono discussi con particolare riferimento ai tessuti del corpo. Anche le composizioni di droghe e il modo di azione della droga sono trattate.

Nidana Sthana (Diagnosi): questa parte tratta della patologia di otto gravi malattie: febbre, emorragie, tumori, ulcere, malattie del tratto urinario, malattie della pelle, deterioramento fisico generale del corpo o di singoli organi e epilessia. Ogni malattia viene discussa individualmente. Le cause, le manifestazioni, l’ estensione, gli ausili diagnostici e i trattamenti vengono esaminati in dettaglio.

Vimana Sthana (Principi Fondamentali): Questa sezione tratta di chimica, fisiologia, anatomia, anatomia, epidemiologia, malattie infettive, i tre modi per arrivare ad una diagnosi (osservazione, inferenza e interrogazione), malattie del sistema circolatorio, digestivo ed eliminatorio, malattie parassitarie e diversi modi di insegnare agli studenti di medicina.
Quando Agnivesha ha chiesto che cosa significano i termini morte puntuale e prematura, dal momento che ogni persona aveva un’ aspettativa di vita indeterminata, Atreya ha risposto che una ruota perfetta di un carrello si consumerà naturalmente nel tempo. Allo stesso modo, anche la durata della vita di un essere umano sarà esaurita, e la persona morirà naturalmente. Tuttavia, l’ usura della ruota sarà molto maggiore se il carico del carro viene aumentato, un autista non qualificato guida il carro, le strade sono cattive, la manutenzione è scarsa, e così via. Allo stesso modo, l’ aspettativa di vita di una persona sarà accorciata quando la persona è sotto stress costante, il cibo non può essere digeribile correttamente, l’ assunzione dei pasti è irregolare, la postura del corpo è imperfetta, le attività sessuali sono troppo frequenti, lo stile di vita naturale è represso, una persona indulge in uno stile di vita malsano, microorganismi invadono il corpo, l’ aria è inquinata, o se una persona è ferita, consuma cibo non sano.

Sarira Sthana (Sviluppombryologico): comprende l’ anatomia umana, la riproduzione e la gravidanza, lo sviluppo del feto nel grembo materno e il ruolo del latte materno. Si parla anche di giocattoli e amuleti per il neonato.

Indriya Sthana (Prognosi): copre la sintomatologia, la diagnosi e la prognosi. Una larga parte si occupa di sintomi che indicano che un paziente è vicino alla morte.

Chikitsa Sthana (Medicina Clinica e Preventiva): Questo è molto importante per i medici perché descrive molte terapie e farmaci. Le prescrizioni trattano l’ aspetto clinico piuttosto che quello teorico.

Kalpa Sthana (Farmaci): si occupa di un gran numero di formule e farmaci che inducono vomito o hanno proprietà lassative.

Siddha Sthana (Panchakarma): Si tratta del metodo classico di disintossicazione, chiamato Panchakarma.

Il Charak Samhita è scritto in forma sia di prosa che di versetto. Alcuni capitoli sono esclusivamente in versi ad eccezione dell’ inizio e del colophon. Nell’ ultimo capitolo del manoscritto, una dichiarazione rivela che contiene 12.000 versi e paragrafi.  Attualmente abbiamo solo 8.419 versi e 1.111 paragrafi, che indicano che 2.470 versi sono stati persi o omessi dai commentatori.

Farmaci: Il Charak Samhita contiene 341 ricette di origine vegetale 177 utilizzando prodotti animali e 64 utilizzando minerali e metalli.

Traduzioni: L’ opera è stata tradotta in arabo, e nell’ ottavo secolo in persiano da Ali-Ibn-Zain dal Tarbistan. Il termine sharaka indianus si trova anche nella traduzione latina di Razes (AD 680) e Avicenna. L’ opera è stata tradotta anche in tibetano e successivamente in lingua mongola. La traduzione in inglese che raccomandiamo ai nostri studenti è Caraka Samhita: Text with English Translation and Critical Exposition Basato sull’ Ayurveda Dipika di Chakrapani Datta del Dr. Ram Karan Sharma e Bhagwan Dash, pubblicato in sei volumi.

 

You might also like

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi