Sushruta Samhita libro su chirurgia ed ostetricia indiana

Questo libro descrive la tradizione della chirurgia e dell’ ostetricia nella medicina indiana. Si ritiene che l’ autore sia lo studioso Sushruta, vissuto più di tremila anni fa. Il suo nome è citato in Mahabharata e Garuda Purana. Sushruta Samhita è considerato uno dei principali libri sulla chirurgia e l’ unica opera esistente oggi, anche se non nella sua forma originale. Il presente è una recensione, o meglio una recensione di una recensione fatta da Nagarjuna, che si dice abbia vissuto intorno al IV secolo aC.

Le radici dell’ opera sono state rintracciate direttamente in Dhanvantari, patrono della medicina e incarnazione di  Vishnu, detto maestro di Sushruta. Ogni capitolo inizia con le parole “Vathovaca Bhagavan Dhanvantari Sushrutaya”, che significa “come Sushruta è stato insegnato dall’ onorevole Dhanvantari”. Dhanvantariyas, come i chirurghi furono chiamati allora, erano già noti durante il tempo di Charaka.

Sushruta Samhita è composto da sei libri con 186 capitoli.

Sutra Sthana (46 capitoli)-è la sezione più esaustiva, che fornisce un’ analisi dei seguenti elementi

Nidana Sthana (16 capitoli)-è la sezione sulla patologia.
Sharira Sthana (10 capitoli) tratta con l’ anatomia.
Chikitsa Sthana (40 capitoli) – descrive la terapia.
Kalpa Sthana (8 capitoli)-è la sezione sulla tossicologia.
Uttara Tantram (66 capitoli)-è la parte supplementare del trattato e sembra essere un’ aggiunta successiva che descrive sintomi e trattamenti per varie malattie.

L’ intervento chirurgico è stato utilizzato in un senso molto ristretto e solo quando altri trattamenti non potevano promettere successo. Sushruta distingue otto tipi di chirurgia.

1. Incisione (taglio) per ascessi profondi,  testicoli gonfiati, ulcere e fistole
2. Escisione (eliminazione dei tessuti) per fistole anali,  ferite, tumori, crescita, ulcere e oggetti estranei nelle ossa o nei muscoli.
3. Scarificazione (incisioni che estraggono sangue o fluidi)-utilizzata per infezioni della gola, leucociti e ulcere sulla superficie della lingua
4. Puntura (con un ago cavo) per estrarre fluidi dalle vene disfunzionali e dai testicoli, e per idropisia
5. Chirurgia esterna (con sonda) per ferite difficili da guarire e ferite in cui sono incorporati oggetti estranei
6. Estrazione (rimozione chirurgica) per rimuovere oggetti estranei, rimuovere il tartaro dai denti e il feto morto dal grembo materno.
7. Evacuazione (rimozione dei fluidi)-utilizzata in caso di gonfiore localizzato, avvelenamento sanguigno, pustole, ascessi e malattie della pelle simili al lebbroso
8. Sutura (chiusura della ferita o incisione) per chiudere ferite e lesioni articolari aperte

Oltre alle semplici procedure chirurgiche, sono state eseguite anche operazioni più complesse come la chirurgia plastica, i trapianti cutanei e le amputazioni.
I pazienti sono stati di solito anestetizzati, ma i metodi usati allora non vengono utilizzati oggi, nonostante siano stati descritti in modo sufficientemente dettagliato per la duplicazione (come l’ inalazione di particolari farmaci per indurre il sonno o per riconquistare la coscienza). Ci sono, tuttavia, diverse piante curative a noi sconosciute con proprietà antibiotiche che prevengono le infezioni dopo l’ intervento chirurgico.

La chirurgia ayurvedica era molto popolare e gli studenti praticavano abilità chirurgiche proprio come gli studenti moderni medici usano i cadaveri per aumentare le loro abilità chirurgiche. Tuttavia, con l’ avvento del buddismo, la pratica era rigorosamente vietata, fu l’ inizio della fine della chirurgia ayurvedica.

Il problema affrontato nell’ antichità era simile a quello di oggi: quando si riduce il sostegno finanziario agli istituti di ricerca, si riduce la possibilità di una ricerca attiva e il tema della ricerca diventa problematico. Non sorprende che la chirurgia ayurvedica, senza alcun supporto di ricerca per duemila anni, non sia più riconosciuta come soggetto. Negli ultimi anni, tuttavia, le università indiane hanno cercato di combinare la scienza chirurgica con la medicina. Aspiranti medici ayurvedici ora hanno chirurgia moderna come parte del loro curriculum. La laurea formale rilasciata ad un medico ayurvedico è Bachelor di medicina e chirurgia ayurvedica (BAMS).

Farmaci: Sushruta Samhita parla di 1.120 malattie, tra cui lesioni, malattie legate all’ invecchiamento e malattie mentali. Queste discussioni comprendono 700 piante curative, 57 preparati derivati da fonti animali e 64 preparati derivati da minerali.

Traduzioni: Intorno all’ 800 d. C. Ibn Abillsaibial tradusse la Sushruta Samhita in arabo con il titolo Kitabshah-shundal-hindi. Una traduzione inglese di Hoernle e Kunte fu pubblicata nel 1876 e una traduzione latina di F. Heßler nel 1850. Un’ altra traduzione in inglese, Sushruta Samhita di Kaviraj L. Bhishagratna, è stata pubblicata in tre volumi di Chowkhamba Sanskrit Series Office. Una recente edizione dell’ Antica Chirurgia indiana di G. D. Singhal, composta da dieci volumi che comprendono testo sanscrito, è stata pubblicata da Chowkhamba Sanskrit Pratishthan, Delhi. A Synopsis of Ayurveda: Basato su una traduzione della Sushruta Samhita di G. D. Singhal e T. J. S. Patterson è disponibile anche presso la Oxford University Press.

You might also like

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi